Author: Andy

Home / Articles posted by Andy (Page 3)

Nintendo 64

Il Nintendo 64 è una console per videogiochi a 64 bit prodotta da Nintendo, successiva al Super Nintendo Entertainment System (SNES), e in vendita a partire dal 1996-97. Il Nintendo 64 vendette molto soprattutto in Giappone ed ebbe buon riscontro in tutto il mondo superando la quota 30 milioni di unità vendute, tuttavia il Nintendo 64 non riuscì a ripetere gli stessi risultati del NES e dello SNES venendo nettamente sconfitto dalla PlayStation di Sony, che stabilì un record vendendo oltre 100 milioni di unità.

Specifiche tecniche:

  • Architettura MIPS / R4300i RISC
  • 4 MByte RDRAM
  • Cartucce elettroniche da 4 a 64 MByte
  • 4 porte per controller
  • Porta d’espansione per Expansion Pak

XBOX

L’Xbox è una console per videogiochi prodotta dalla Microsoft e venduta a partire da novembre del 2001. Rappresentò il primo tentativo di entrare nel mercato delle console da parte della Microsoft e per tutto quel che ha rappresentato è considerata un importante pezzo di storia, ed è stata infatti annoverata da IGN (Imagine Games Network) nella lista delle 25 migliori console di tutti i tempi, all’11º posto, precedendo sistemi di gioco come PlayStation 3, Nintendo GameCube, Sega Saturn e altri.

Specifiche tecniche:

  • Performance complessiva: 2,9 GigaFLOPS
  • Hard disk ATA 3,5 pollici da 8 o 10 GByte (20 GByte nella versione Crystal)
  • 64 MByte DDR SDRAM

 

Torpedo Typewriter 1949

Nata verso la fine del XIX secolo, la macchina da scrivere oggi è stata completamente rimpiazzata dai personal computer che contengono uno o più programmi di video scrittura come Microsoft Word. Abbiamo acquistato questa macchina da scrivere in un negozio di antiquariato in Spagna e ce ne siamo subito innamorati.
La macchina era in ottime condizioni, i martelletti funzionavano bene e il suono che facevano sulla carta portava indietro nel tempo (anche se tecnicamente nel ’49 non ero ancora nato, quindi sarebbe stata quasi la trama di Ritorno al Futuro). Tuttavia, a causa degli anni e dell’utilizzo, l’inchiostro era quasi completamente finito, e appena siamo tornati dalle ferie siamo riusciti a trovare su Amazon un sostituto, riuscendo così a far funzionare la macchina al cento per cento.
Non che avevo idea di prendere gli appunti in università con questa macchina, ma magari poteva essere utile per scrivere biglietti di auguri, curriculum oppure fogli interi pieni della stessa frase che ha scritto all’infinito Jack Torrance in Shining.

"All work and no play makes Jack a dull boy"

Espressionismo

Il termine espressionismo indica generalmente un’arte in cui prevale la deformazione di alcuni aspetti della realtà in modo tale da accentuare valori emozionali ed espressivi. Per questo motivo si può estendere il termine “espressionismo” in modo più universale, associandolo ad un senso di deformazione.
Nell’ambito della avanguardie artistiche si associa il termine espressionismo ad una serie di esperienze sorte soprattutto in Germania, rendendo tale movimento artistico un vero e proprio fenomeno culturale.

Come per altre correnti artistiche è impossibile trovare una netta separazione tra un movimento ed un altro, tanto è vero che artisti come Van Gogh, Gauguin, Munch ed Ensor possono essere considerati pre espressionisti. Il motivo risiede nella presenza, all’interno dei loro quadri e nella loro tecnica, di elementi che costituiscono le caratteristiche tipiche dell’espressionismo: l’accentuazione cromatica, un tratto forte e inciso, la drammaticità dei contenuti.

Sebbene il cuore dell’espressionismo risiedesse in Germania, il primo movimento che può essere considerato espressionistico acqua in Francia nel 1905: i Fauves. Tale nome, “belve”, venne dispregiativamente attribuito ad alcuni pittori che esposero nel Salon D’Automne quadri dall’impatto cromatico molto violento. Di questo gruppo facevano parte artisti come Matisse, Vlaminck, Derain, Marquet ed altri. La caratteristica che li accomunava era il colore steso in tonalità pure e un’autonomia delle loro immagini rispetto la realtà. Quest’ultimo effetto era creato prendendo un oggetto reale e reinterpretandolo con molta libertà, traducendo l’immagine in segni colorati che creavano una pittura notevolmente decorativa.

Sempre nel 1905 si costituì un altro gruppo di artisti espressionisti: “Die Brücke” (il Ponte). Nato in Germania, a Dresda, questo gruppo vide come protagonisti principali Ernest Ludwig Kirchner e Emil Nolde. Anche nel “Die Brücke” troviamo i tratti tipici dell’espressionismo: la violenza cromatica e la deformazione caricaturale, ma in più è una forte carica di drammaticità, che nei Fauves non era presente. Troviamo infatti temi come il disagio esistenziale, l’angoscia patologica, la critica ad ad una società borghese ipocrita e ad uno stato militarista e violento.

Un secondo gruppo espressionistico di costituì a Monaco nel 1911: “Der Blaue Reiter” (Il Cavaliere Azzurro). I membri principali furono Wassilj Kandinskij e Franz Marc. Nella pittura dei Fauves, o dei pittori del gruppo Die Brücke, la tecnica era di rendere “espressiva” la realtà esterna così da farla coincidere con le risonanze interiori dell’artista. Der Blaue Reiter propose invece un’arte dove la componente principale era l’espressione interiore dell’artista che, al limite, poteva anche ignorare totalmente la realtà esterna a se stesso. E’ possibile dire che, a partire da questo movimento, si fondano le basi di una pittura totalmente astratta.

>Differenza con l’impressionismo
Sebbene a prima vista i due movimenti possano sembrare simili, essi presentano profonde e sostanziali differenze. L’impressionismo rimase sempre legato alla realtà esteriore, al legame tra luce e occhio e ad una prospettiva piacevole ed interessante del mondo esterno.
L’espressionismo, invece, rifiutava l’idea di una pittura piacevole alla vista, ponendo maggiore attenzione all’interiorità dell’animo umano. L’occhio non è più solo uno strumento per vedere, ma un mezzo per giungere all’interno, dove la vista interagisce con la nostra sensibilità.

“Se il Futurismo si ferma alla pelle dell’individuo, l’Espressionismo fruga nel sangue, nell’anima.” (François Orsini)

Posted in Art

Post Impressionismo

Il Post Impressionismo è un termine convenzionale, usato per individuare le molteplici esperienze figurative sorte dopo l’impressionismo. Il denominatore comune di queste esperienze è proprio l’eredità che esse assorbono dallo stile precedente. Il postimpressionismo, tuttavia, non può essere giudicato uno stile in quanto non è assolutamente accomunato da caratteri stilistici unici. Esso è solo un’etichetta per individuare un periodo cronologico che va all’incirca dal 1880 agli inizi del 1900. In questo periodo vengono superati alcuni concetti dell’Impressionismo, come la tecnica dell’en plain air, preferendo invece effettuare gli studi del disegno all’interno del proprio atelier; presenta inoltre la tendenza a cercare la solidità dell’immagine, la sicurezza del contorno e la libertà del colore.

Da questo momento in poi gli artisti non rappresentano ciò che vedono, non rappresentano più la realtà, ma solo le loro sensazioni. Questa tecnica di tirare fuori ciò che si ha dentro usando la tela come tramite anticiperà fortemente l’espressionismo. Questa volontà è influenzata anche dalle nuove scoperte scientifiche e tecnologiche che portarono alla nascita della fotografia e del cinema. La civiltà occidentale diviene sempre più una civiltà delle immagini ma, paradossalmente, la pittura in questo processo si trova a svolgere un ruolo sempre più marginale. Diviene chiaro che la pittura non può più competere con la fotografia nella rappresentazione della realtà e per questo motivo, partendo dalle radici dell’impressionismo, i pittori non cercano più di riprodurre la realtà, ma di comunicare una sensazione. In questo breve periodo tali premesse porteranno ad una rivoluzione totale nel campo dell’arte che sfocerà, con la nascita dell’astrattismo, ad una definitiva rottura tra arte e rappresentazione del reale.

“Sogno di dipingere e poi dipingo il mio sogno.” (Vincent Van Gogh)

Posted in Art

Impressionismo

L’impressionismo è un movimento pittorico francese che nasce intorno al 1860 a Parigi.
Tale movimento deriva direttamente dal realismo, in quanto come questo si interessa soprattutto alla rappresentazione della realtà quotidiana. Tuttavia, rispetto al realismo, non si occupa dei problemi ma solo dei lati gradevoli della società del tempo.
La vicenda dell’impressionismo dura poco meno di venti anni: al 1880, infatti, il movimento può già considerarsi un’esperienza chiusa. Dunque, sebbene di breve durata, questo movimento portò una grande rivoluzione nella tecnica, che ora sceglie di rappresentare solo la realtà sensibile, staccando completamente la realtà ideale per occuparsi solo dei fenomeni ottici della visione. In questo modo l’artista cerca di riprodurre tutte le sensazioni ottiche con la maggior fedeltà possibile.
La poetica dell’impressionismo è quasi del tutto indifferente ai soggetti, proprio per cercare di rendere piacevole qualsiasi cosa rappresenti. L’impressionismo diviene dunque lo stile della vita parigina di quegli anni, come dimostra La Grenouillère di Renoir e di Monet, che non cerca alcun tipo di evasione romantica, ma rincorre la volontà dichiarata di calarsi interamente nella realtà urbana di quel periodo per evidenziarne tutti i lati positivi e piacevoli.

  • Protagonisti
    I protagonisti dell’impressionismo furono soprattutto pittori francesi. Tra essi, il più impressionista di tutti, fu Claude Monet. Gli altri grandi protagonisti furono: Auguste Renoir, Alfred Sisley, Camille Pissarro e, seppure con qualche originalità, Edgar Degas.
    Un posto separato lo occupano, tra la schiera dei pittori definiti impressionisti, Edouard Manet, che fu in realtà il precursore del movimento, e Paul Cézanne, la cui opera è quella che per prima supera l’impressionismo degli inizi.
  • Date
    1863: Edouard Manet espone «La colazione sull’erba»;
    1874: anno della prima mostra dei pittori impressionisti presso lo studio del fotografo Nadar;
    1886: anno dell’ottava e ultima mostra impressionista.
  • Caratteristiche dell’impressionismo
    _ Rivoluzioni tecniche su luce e colore
    _ La pittura en plain air
    _ L’esaltazione dell’attimo fuggente
    _ I soggetti urbani

> Rivoluzioni tecniche su luce e colore
L’occhio umano percepisce inizialmente la luce e i colori. Dopo di che, attraverso la sua capacità di elaborazione, il cervello distingue le forme e lo spazio in cui luce e colori sono collocati.
La rivoluzione della tecnica pittorica, iniziata da Manet e influenzata anche dalle scoperte scientifiche di quegli anni, parte dalla scelta di rappresentare solo la realtà sensibile. Gli studi di ottica permisero di capire meglio il procedimento della percezione dei colori e della luce. L’occhio umano ha recettori sensibili soprattutto a tre colori: rosso, verde e blu. La diversa stimolazione di questi tre recettori, mediante tre luci pure (rossa, verde e blu), dà la luce bianca. Tale meccanismo viene definito sintesi additiva.
Il colore che attribuiamo ad un oggetto è l’effetto della luce riflessa dall’oggetto stesso. Dunque, un oggetto di colore blu non riflette le onde di colore rosso e verde, ma solo quelle corrispondenti al blu. I colori che l’artista pone su una tela bianca seguono il medesimo meccanismo: selezionano solo alcune delle onde da riflettere. I colori diventano dunque dei filtri che non consentono la riflessione degli altri colori e, in questo caso, sovrapponendo più colori si ottiene, successivamente, la progressiva filtratura, e quindi soppressione, di varie colorazioni, fino a giungere al nero. In questo caso si ottiene sintesi sottrattiva.
I colori posti su una tela agiscono sempre operando una sintesi sottrattiva: più i colori si mischiano e si
sovrappongono, meno luce riflette il quadro. L’intento degli impressionisti è proprio evitare al minimo la
perdita di luce riflessa, così da dare alle loro tele la stessa intensità visiva che si ottiene da una percezione diretta della realtà.
Per garantire questo meccanismo, gli impressionisti ricorsero a varie tecniche tra cui il solo utilizzo di colori puri, l’assenza dell’effetto chiaro-scuro creato diluendo i colori, l’accostamento di colori complementari per creare maggior luminosità alla tela, l’assenza del colore nero.

>La pittura en plain air
La pittura, così come concepita dagli impressionisti, era solo colore. Essi, pertanto, riducono, e in alcuni casi sopprimono del tutto, la pratica del disegno. Tale scelta esecutiva si accosta ad un’altra caratteristica propria degli impressionisti: la realizzazione dei quadri direttamente sul posto e non negli atelier. Con questa termine viene definita la tecnica en plain air.
L’en plain air non è una invenzione degli impressionisti. Già i paesaggisti della Scuola di Barbizon utilizzavano questa tecnica. Tuttavia, ciò che questi pittori realizzavano all’aria aperta era in genere una stesura iniziale, da cui ottenere il motivo sul quale lavorare poi in studio rifinendolo fino allo stadio definitivo. Gli impressionisti, e soprattutto Monet, portarono al limite estremo questa pratica dell’en plain air realizzando e finendo i loro quadri direttamente sul posto.
Questa scelta era dettata dalla volontà di cogliere tutti gli effetti luminosi che la visione diretta fornisce nell’esatto momento in cui si vuole rappresentare la scena.

>L’esaltazione dell’attimo fuggente
La scelta dei pittori impressionisti di rappresentare la realtà cogliendone le impressioni istantanee (tecnica dell’en plain air) portò questo stile all’esaltazione dell’attimo fuggente.
Secondo gli impressionisti, la realtà muta continuamente di aspetto, e, come la luce, rende la visione di un momento diversa nel momento successivo. Dunque, per conferire sempre più realismo al quadro, le immagini nella pittura impressionista trasmettono sempre una sensazione di movimento. L’attimo fuggente della pittura impressionista è totalmente diverso dal momento pregnante della pittura neoclassica e romantica. Il momento pregnante sintetizza la storia nel suo momento più significativo; l’attimo fuggente non ha nulla a che fare con le storie: esso coglie le sensazioni e le emozioni. L’impressionismo per la prima volta, dopo la scomparsa della pittura rococò, rifugge dagli atteggiamenti tragici o drammatici e torna a rappresentare un modo felice ed allegro.
L’attimo fuggente della pittura impressionista ha analogie evidenti con la fotografia. Anche la fotografia, infatti, coglie una immagine della realtà in una frazione di secondo. E dalla fotografia gli impressionisti non solo prendono la velocità della sensazione, ma anche i particolari tagli di inquadratura che danno alle loro immagini particolare sapore di modernità.

>I soggetti urbani
Sul piano dei soggetti l’impressionismo si presenta con un’altra notevole caratteristica: quella di rappresentare principalmente gli spazi urbani, e lo fa con una evidente esaltazione della gradevolezza della vita in città. Questa è un’altra novità rispetto i precedenti momenti artistici poiché fino a quel momento la città era vista come qualcosa di malefico ed infernale, soprattutto dopo lo sviluppo della Rivoluzione Industriale, il quale aveva deteriorato gli ambienti cittadini.
Questa diversa atteggiamento nei confronti della città da parte degli impressionisti sfocia soprattutto verso una città in particolare: Parigi. In essa si raccolgono i maggiori intellettuali ed artisti, ci sono i maggiori teatri e locali di spettacolo, si trovano le cose più eleganti e alla moda, si possono godere di tutti i maggiori divertimenti del tempo.
Tutto questo fa da sfondo alla pittura degli impressionisti, e ne fornisce molto del suo fascino. I luoghi raffigurati, nei quadri impressionisti, diventano tutti seducenti: le strade, i viali, le piazze, i bar, gli stabilimenti balneari lungo la Senna, i teatri, persino le stazioni, come nel famoso quadro La Gare Saint-Lazare di Monet.

Posted in Art

How to revive an old tablet

Era da tempo che volevo far qualcosa per recuperare il mio vecchio tablet, un Samsung Galaxy Tab 2. Ho trovato molti video in rete che spiegano, più o meno bene, come aggiornare il firmware ad una versione di Android più recente, ma non ho mai voluto rischiare di combinare guai.
Così cercando meglio ho trovato un altro tutorial che spiega come dare il look di un S8 ad un qualsiasi dispositivo Android e il risultato è semplicemente fenomenale!
Dopo aver eseguito tutti i passi sul Tab 2 ho deciso di fare la stessa operazione sul mio altro Tablet, un Samsung Galaxy Tab 4 che, essendo ad una versione più aggiornata di Android, mi ha permesso ulteriori modi per rimodernare il look dei miei tablet.

Nintendo Classic Mini

E’ una replica originale in miniatura del Nintendo Entertainment System, storica console 8-bit. Il sistema è dotato di un’uscita per il cavo HDMI e un nuovo controller che può essere anche collegato al telecomando della Wii per l’utilizzo della Virtual Console, inoltre sono presenti tre modalità di visualizzazione differenti: “Tubo catodico”, per simulare l’aspetto che i giochi avevano sui vecchi televisori, “4:3”, che riproduce l’aspetto della console originale e “Risoluzione originale”.

La console ospita un nuovo motore di emulazione sviluppato dalla Nintendo European Research & Development (NERD), e integra 30 giochi tra i più famosi tra quelli pubblicati per il NES del 1985 come Donkey Kong, Galaga, Ghosts ‘n Goblins, Pac-Man, Super Mario Bros. The Legend of Zelda.

iPod Nano 3G 8gb

  • Navigazione: ghiera cliccabile
  • Capacità: 4 e 8 GB
  • Data di introduzione: settembre 2007
    È possibile distinguere iPod nano (3a generazione) dai modelli di iPod nano precedenti in base alle caratteristiche seguenti: schermo più ampio, interruttore Hold posizionato nella parte inferiore e la possibilità di riprodurre video.